Fano

Carnevale di Fano, il più antico e il più dolce d’Italia.

fano1La “città della Fortuna” è pronta a trasformarsi nella Città del Carnevale, definito il più dolce dal 1347 e quest’anno ancora più dolce, considerato che sarà previsto un gettito di solo cioccolato (abolite le caramelle). Per tre domeniche, 28 gennaio, 4 e 11 febbraio, dalle ore 15.00 sfileranno i giganti di cartapesta assieme alle maschere di carnevale lungo viale Gramsci. L’edizione 2018 avrà inoltre un respiro anche internazionale: domenica 11 febbraio alle 12.00 in piazza XX Settembre si svolgerà il Gran Caribe Cuban Show con ospite d’eccezione, Efrain Sabas, direttore artistico del Carnevale dell’Habana. In occasione delle celebrazioni dell’anno rossiniano, uno dei carri allegorici “La Calunnia e il venticello” sarà dedicato al grande compositore pesarese Giochino Rossini. Ad animare le sfilate dei carri allegorici la voce dei migliori speaker e DJ di Radio RTL che termineranno in piazza XX settembre
con musica e animazioni.
Il ‘Vulon’ sarà la maschera ufficiale del Carnevale di Fano, nata come maschera fanese, è andata un po’ a perdersi nel tempo, ma quest’anno verrà rilanciata in grande stile. “Vulon” in dialetto fanese, significa gradasso, spaccone e vanitoso, viene rappresentato da una figura dal naso adunco, con i baffetti, l’occhio vispo e un sorriso ironico, armato di spada, con il petto coperto da un’armatura d’acciaio, una gamba protetta da schinieri di età classica con i tipici cosciali e l’altra rivestita da maschere2.jpguno stivale svasato a tacco alto tipico del Seicento. Sulle spalle porta un mantello formato da un piumaggio e un cilindro per cappello.  Verrà istituito un concorso nazionale che darà la possibilità a chi parteciperà di dare la propria interpretazione del Vulon.

In occasione del Carnevale, sarà possibile visitare Fano con uno degli itinerari qui proposti:
Fano Romana, 
L’elefante e la Rosa.

Per prenotare una visita guidata a Fano o in altre località della provincia di Pesaro e Urbino telefonare al 338/6228715 oppure richiedi info tramite mail info@artuvisite.com

Share

Fano – Mese del Brodetto dal 15 di Settembre al 15 di Ottobre


Fano a dato il via alla dodicesima edizione del Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce.
La città accoglierà tutti i visitatori e gli appassionati di brodetto  nella ormai storica location del Lido.
Tantissimi come sempre gli appuntamenti in programma: non perdetevi i cooking show di sabato e domenica, la scuola di brodetto, la rassegna cinematografica “corto e mangiato”, i concerti…e tutte le altre sorprese che vi aspettano al Lido di Fano.

Fino al 15 di Ottobre da Fano a Pesaro, da Torrette a Marotta ma anche nei paesi dell’entroterra, si potrà degustare la famosa zuppa proposta dagli chef locali al prezzo convenzionato di 15 euro.

CONCORSO: IL MIGLIOR BRODETTO 2017
Anche quest’anno si svolgerà il concorso per eleggere il miglior Bordetto 2017.
Tutti coloro che ceneranno nei ristoranti convenzionati avranno la possibilità di compilare una scheda di valutazione e giudicare (gusto e presentazione)  il brodetto che verrà loro servito.
Il voto popolare verrà poi sommato a quello della giuria tecnica (composta da critici del QN – Quotidiano Nazionale e da gastronomi dell’Accademia Italiana della Cucina) per il verdetto finale.0.

E’ un’ occasione per visitare i luoghi culturali della provincia: La Fano romana, Il castello di Paolo e Francesca di Gradara, Urbino capitale del rinascimento, Pesaro la città della musica e tanti altri luoghi suggestivi.

Prenota una visita guidata a

info@artuvisite.com
cell 338/6228715

Share

Guido Reni torna a Fano

«Guido Reni, La “Consegna delle chiavi”. Un capolavoro ritorna».

Fano (PU), pinacoteca San Domenico, Sabato 15 giugno 2013 ore 18,00.
La mostra sarà poi aperta fino al 29 settembre tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 18,00 alle 22,00.

La pala, dipinta da Guido Reni per l’altar maggiore di s. Pietro in Valle, asportata in epoca napoleonica e oggi esposta al Louvre, torna a Fano per la prima volta dopo due secoli per iniziativa della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano.

Saranno inoltre mostrati altri due prestigiosi capolavori del pittore bolognese, due “Annunciazione”, una  realizzata per la chiesa di San Pietro in Valle, oggi nella Pinacoteca Civica del Palazzo Malatestiano, e l’altra proveniente dai Musei Civici di Ascoli Piceno.

Guido Reni (1575-1642) rappresenta uno degli esponenti di spicco del barocco italiano e la mostra, oltre a costituire un’occasione imperdibile per ammirare uno dei suoi maggiori capolavori, rientrato, seppur temporaneamente, dopo oltre due secoli di assenza dal territorio italiano, costituisce altresì una testimonianza del mecenatismo culturale del patriziato marchigiano nel corso del diciassettesimo secolo, nel momento in cui diversi aristocratici iniziano a mostrare interesse nei confronti della produzione artistica dei maggiori esponenti della scuola emiliano-bolognese.

Dopo la mostra su Guercino del 2011 e l’esposizione relativa a Simone Cantarini del 2012, la Fondazione Cassa di Risparmio di Fano prosegue la sua linea di recupero della storia e del vissuto culturale che hanno caratterizzato la città di Fano lungo tutto il suo percorso storico, con picchi di assoluto rilievo.

Dal 15/06 al 29/09 dal martedì alla domenica dalle 18.00 alle 22.00 Pinacoteca di San Domenico – FANO
Ingresso libero

Info e prenotazioni visite guidate
Info@artuvisite.com

Share
RussiaEnglish