visiteguidate

Carnevale di Fano, il più antico e il più dolce d’Italia.

fano1La “città della Fortuna” è pronta a trasformarsi nella Città del Carnevale, definito il più dolce dal 1347 e quest’anno ancora più dolce, considerato che sarà previsto un gettito di solo cioccolato (abolite le caramelle). Per tre domeniche, 28 gennaio, 4 e 11 febbraio, dalle ore 15.00 sfileranno i giganti di cartapesta assieme alle maschere di carnevale lungo viale Gramsci. L’edizione 2018 avrà inoltre un respiro anche internazionale: domenica 11 febbraio alle 12.00 in piazza XX Settembre si svolgerà il Gran Caribe Cuban Show con ospite d’eccezione, Efrain Sabas, direttore artistico del Carnevale dell’Habana. In occasione delle celebrazioni dell’anno rossiniano, uno dei carri allegorici “La Calunnia e il venticello” sarà dedicato al grande compositore pesarese Giochino Rossini. Ad animare le sfilate dei carri allegorici la voce dei migliori speaker e DJ di Radio RTL che termineranno in piazza XX settembre
con musica e animazioni.
Il ‘Vulon’ sarà la maschera ufficiale del Carnevale di Fano, nata come maschera fanese, è andata un po’ a perdersi nel tempo, ma quest’anno verrà rilanciata in grande stile. “Vulon” in dialetto fanese, significa gradasso, spaccone e vanitoso, viene rappresentato da una figura dal naso adunco, con i baffetti, l’occhio vispo e un sorriso ironico, armato di spada, con il petto coperto da un’armatura d’acciaio, una gamba protetta da schinieri di età classica con i tipici cosciali e l’altra rivestita da maschere2.jpguno stivale svasato a tacco alto tipico del Seicento. Sulle spalle porta un mantello formato da un piumaggio e un cilindro per cappello.  Verrà istituito un concorso nazionale che darà la possibilità a chi parteciperà di dare la propria interpretazione del Vulon.

In occasione del Carnevale, sarà possibile visitare Fano con uno degli itinerari qui proposti:
Fano Romana, 
L’elefante e la Rosa.

Per prenotare una visita guidata a Fano o in altre località della provincia di Pesaro e Urbino telefonare al 338/6228715 oppure richiedi info tramite mail info@artuvisite.com

Share

150° Anniversario di Rossini

Nato a Pesaro il 29 di

Gioacchino Rossini

Gioacchino Rossini

febbraio 1792, Gioachino Rossini, morto a Passy – Parigi il 13 di novembre nel 1868. Nel 2018 ricorre il 150° anniversario della sua morte.
Musicista, cantante e noto compositore, riuscì a scrivere ben 40 opere in soli 19 anni.
Amava ironizzare, come nelle sue opere buffe, così faceva con il pubblico, con gli impresari e con se stesso, si prendeva in giro e ironizzava sul cibo e sulla sua golosità.
Soleva dire: ”Quello che è l’amore per l’anima, è l’appetito per il corpo. Lo stomaco è il maestro che dirige la grande orchestra delle nostre passioni. Mangiare, amare, cantare, digerire sono i quattro atti dell’opera comica, che è la vita.”
Nel febbraio del 1864 festeggiò il suo 18° compleanno, il suo anniversario ricorreva ogni quattro anni, pertanto aveva 72 anni…forse era questo il segreto della sua eterna giovinezza!!!
Quest’anno sono 200 anni de “Il Barbiere di Siviglia”, La prima rappresentazione ebbe luogo il 20 febbraio 1816 al Teatro Argentina di Roma. Tutta la città era tappezzata di manifesti che annunciavano il Barbiere di Siviglia e Rossini non ne aveva ancora  scritta una nota. Egli se ne stava in una locanda, insieme con i principali cantanti che avrebbero dovuto cantare l’opera, ed egli non aveva scritto ancora una nota: quindici giorossini-caricature-larousserni appena dividevano dalla rappresentazione e il maestro non si decideva a comporre l’opera. Tutto a un tratto si mise al lavoro e da mattina a sera stava al piano, tempestandolo tutto, in modo che l’albergo fu ben presto vuoto: nessuno poteva reggere a quel frastuono di tutta la giornata, che neanche di notte si quietava e non faceva chiudere occhio a nessuno. Un giorno i cantanti si presentarono a Rossini per protestare, perché stavano lì da tanto tempo ad attendere un’opera che non veniva e per di più nella locanda erano disturbati da quel continuo suonare. Rossini li fece parlare fin che vollero e poi distribuendo loro vari fogli di musica disse: “ Ecco le vostre parti”. Erano le note immortali del Barbiere, che erano state improvvisate in pochi giorni.
La città di Pesaro in occasione del 150° anniversario  dedica al compositore una serie di eventi che si terranno a partire dal mese di Febbraio fino a Novembre 2018.

 

Share

Ingresso gratuito alla Rocca di Gradara e al Palazzo Ducale di Urbino ogni 1a Domenica del mese

DOMENICA 4 GENNAIO 2015 INGRESSO GRATUITO ALLA ROCCA DI GRADARA
LUNEDI’ 5 GENNAIO APERTURA STRAORDINARIA DEL POMERIGGIO

PRENOTA UNA VISITA GUIDATA.

Con la nuova normativa entrata in vigore al 1° di luglio 2014, tutti potranno entrare gratuitamente nei Musei Statali, ogni 1a domenica di ogni mese.
Visite guidate a GradaraDomenica 4 Gennaio è l’occasione per visitare la Rocca di Gradara con una guida specializzata.

Prenota la tua visita guidata telefonando a
Patrizia Bucci  cell 338/6228715
mail: info@artuvisite.com

Rocca di Gradara, splendido esempio di architettura militare cha va dal XII al XV sec. con ambienti arredati e mobilio antecedente il XVIII sec, tra questi la suggestiva camera di Francesca in cui si evoca la vicenda che Dante narra nel V canto dell’Inferno della Divina Commedia.

 

DOMENICA 4 GENNAIO 2015 INGRESSO GRATUITO AL PALAZZO DUCALE DI URBINO, ALLA GALLERIA NAZIONALE DELLE MARCHE E ALLA MOSTRA DELLA “BELLA PRINla bella principessaCIPESSA” OPERA DI LEONARDO DA VINCI

Come tutti i musei statali anche il Palazzo Ducale di Urbino avrà l’ingresso gratuito domenica 4 Gennaio 2015. E’ l’occasione per visitare la Galleria Nazionale delle Marche ed il Palazzo Ducale che per tutte le festività natalizia avrà in mostra l’opera di Leonardo da Vinci: “La bella Principessa”.

 

palazzo-ducale-urbino_large1Palazzo Ducale di Urbino, splendida dimora rinascimentale del XV secolo, voluta da Federico da Montefeltro, testimonianza dei fasti di corte all’epoca delle Signorie. Al suo interno ha sede la Galleria Nazionale delle Marche, dove si possono ammirare splendidi capolavori come la Città Ideale, La flagellazione di Cristo e la Madonna di Senigallia di Piero della Francesca, La Muta di Raffaello, lo studiolo intarsiato del duca, la galleria degli uomini illustri e altre opere famose.

Prenota la tua visita guidata telefonando a
Patrizia Bucci  cell 338/6228715
mail: info@artuvisite.com

 

 

 

 

 

Share
RussiaEnglish